Marketing & Asset Company

Lunedì, Settembre 25, 2017

Forfaiting

La vendita di beni e/o la fornitura di servizi, l’uno per l’altro considerati “commessa”, spesso comporta una dilazione del pagamento. Il termine della dilazione è utile per classificare il pagamento, quale definito come:

  • BREVE TERMINE: quando la dilazione del pagamento non oltrepassa i dodici mesi.
  • MEDIO TERMINE: quando la dilazione del pagamento oltrepassa i dodici mesi ma non i ventiquattro mesi.
  • LUNGO TERMINE: quando la dilazione del pagamento oltrepassa i ventiquattro mesi.

La dilazione di un pagamento, in genere concessa ai propri clienti e impiegata come espediente di trattativa o leva commerciale affinché si possa acquisire la commessa, genera un credito; è una prassi per molte imprese e in qualsiasi Paese industrializzato, ed è impiegata anche nell’ambito dell’esportazione.

La dilazione di un pagamento è soprattutto impiegata nei casi d’esportazione di:

  • Beni strumentali.
  • Tecnologie.
  • Impianti.
  • Posa in opera d’infrastrutture.
  • Altro.

Chi concede la dilazione di un pagamento, qualsiasi sia il termine, offre alla controparte una soluzione efficace per pagare a rate la commessa. Chiaramente la necessità è di incassare quanto prima, o almeno nell’arco di un termine relativamente breve, l’importo derivante dalla commessa. 

A chi voglia trasformare il proprio credito a scadenza in un credito a vista è possibile prospettare uno strumento alternativo ai tradizionali, e, pertanto by-passando il ricorso all’autofinanziamento o la consueta anticipazione bancaria, il “Forfaiting” rappresenta il più capace strumento di finanziamento. 

Il “Forfaiting” è tipicamente usato nell’esportazione che si ricollega all’operazione di sconto del credito (dunque l’anticipazione del relativo importo del credito al netto d’interessi e commissioni d’impegno). Il “Forfaiting” consiste nella cessione del “titolo” di credito (cambiali, lettere di credito documentario, etc.), senza rivalsa, ovvero pro-soluto. 

Il mercato del - forfait - si è sviluppato in Svizzera a partire dagli anni ‘50 e oggi è trattato nelle piazze d’affari internazionali, in particolare a Londra, dove questo strumento oggi è maggiormente diffuso. Il Forfaiting vede partecipare quattro parti:

Il “Forfaiting” è uno strumento di finanziamento a breve, ideale per liberare il Soggetto Esportatore da tutti i rischi connessi alla solvibilità dell’acquirente, della banca estera garante e del Paese debitore. Permette al Soggetto Esportatore di smobilizzare immediatamente il proprio credito/i ovvero di incassare la somma della commessa anche prima della sua spedizione o fornitura, dunque la possibilità di ottenere l’impegno allo smobilizzo a un tasso fisso anche prima della stipula del contratto relativo alla commessa medesima. Ciò mette in condizione il Soggetto Esportatore di concedere ai propri clienti condizioni di pagamento più favorevoli e di essere così anche più competitivo.

Il “Forfaiting” prevede che i titoli di credito siano emessi in valute di forte scambio, ad esempio: Dollaro USA, Euro, Yen, Franchi Svizzeri. Perché l’Istituto Finanziario tratti il titolo di credito, ebbene che la somma del titolo sia cospicua e significativa. Bright Business Consulting LLP non prende in considerazione titoli di credito di taglio inferiore al milione di Sterline.

L’Istituto Finanziario acquista il titolo del credito pro-soluto e deve essere emesso dall’Istituto Bancario. Il titolo può essere una “cambiale” e/o “lettera di credito”:

  • In caso di cambiale deve essere indicata la girata sul retro del titolo inserendo la clausola: without recours.
  • In caso di lettera di credito, deve essere formalizzato un atto per la cessione del credito: credit assignment.

Dato che lo smobilizzo del credito avviene nella forma pro-soluto, salvo che il Soggetto Importatore sia di primaria importanza a livello internazionale, l’Istituto Finanziario che procede alla forfettizzazione richiede che il credito sia assistito da garanzia bancaria rilasciata da Istituto Bancario.

L’impegno dell’Istituto Bancario può assumere due forme diverse:

  • AVALLO: deve essere apposto sul titolo espressa dicitura seguita dalla firma dell’Istituto Bancario garante.
  • LETTERA DI GARANZIA SEPARATA: per essere accettata dal Forfaiter, questo documento rilasciato dall’Istituto Bancario garante deve essere irrevocabile, incondizionato, astratto, trasferibile e deve specificare l’importo e la data di scadenza di ogni titolo cambiario.

L’operazione di “Forfaiting”, classificata come operazione di “credito fornitore”e anche conosciuta con il termine “supplyer’s credit” e consente notevoli e indubbi vantaggi riconducibili a:

  • Finanziamento della tesoreria: miglioramento della liquidità del Soggetto Esportatore attraverso l’incasso immediato di crediti a scadenza, senza ricorso all’indebitamento, senza l’utilizzo di linee di credito del Soggetto Esportatore.
  • Copertura dei rischi: lo smobilizzo pro-soluto dei crediti offre la copertura dei rischi connessi all’operazione, cioè d’insolvenza dell’acquirente, rischi di cambio valutario e rischi politici del Paese debitore.
  • Benefici commerciali e gestionali: completamento dell’offerta commerciale con indicazione del relativo supporto finanziario, incorporazione del costo dello smobilizzo nel contratto commerciale, mancato ricorso alla stipula di coperture assicurative, alleggerimento nella gestione amministrativa dei crediti in outsourcing.
  • Semplicità documentale e rapida finalizzazione dell’operazione: procedura snella per la documentazione da produrre relativa al credito da smobilizzare e l’erogazione del finanziamento è quasi immediata.

Molte imprese non conoscono questo strumento e molte altre lo considerando oneroso. Nella verità non è così, peraltro i vantaggi connessi appena elencati rappresentano punti di forza dello strumento che invece difficilmente incontra punti debolezza. Il vero limite? Focalizzare il Forfaiter che nella realtà sia in grado di assorbire il titolo di credito e la sua competitività sulla commissione applicata.

Stante il fatto del minimo del taglio, pre-requisito essenziale, Bright Business Consulting LLP detiene una partnership con il più importante Istituto Finanziario di Londra e capace di assorbire titoli di credito d’importanti tagli. Bright Business Consulting LLP svolge per il Forfaiter tutta la parte di prima disamina.

E’ da evidenziare che i costi sono strettamente correlati e proporzionati al rischio assunto.

Bright Business Consulting LLP con la partnership detenuta è il partner ideale per condurre operazioni laddove si rende necessario impiegare il “Forfaiting”, offrendo al proprio cliente “Garanzia & Assistenza” nella gestione e attuazione dell’operazione.

NOTA PER SOGGETTO ESPORTATORE ITALIANO: possibilità di ottenere un contributo dalla - Società Italiana per le Imprese all’Estero - (Simest s.p.a.): finanziaria a partecipazione pubblica con maggioranza azionaria in mani della - Cassa Depositi e Prestiti (CDP) -. Il contributo a favore del Soggetto Esportatore è concesso sugli interessi connessi all’operazione di “Forfaiting”, al verificarsi di determinate condizioni e dietro la presentazione di specifica richiesta. Bright Business Consulting LLP come società volta ai servizi internazionali, separatamente all’assistenza per l’operazione di “Forfaiting”, offre al proprio cliente “Garanzia & Assistenza” in relazione alla pratica di richiesta del contributo, cui responso di accoglimento della pratica spetta all’organo competente di Simest s.p.a.

BBC-LLP offre una prima consulenza gratuita-Primo Incontro*.

Costituzioni Società Off-Shore

Costituzioni Società in UK

Costituzioni Società in Brasile

Costituzioni Società in Cina

Costituzioni Società EAU & Free Zone

 

Mercati Emergenti

bannermap

Parco Eccellenze Europee - PEE

Scroll to Top