Bright Business Consulting LLP

Giovedì, Novembre 23, 2017

Internazionalizzazione per l'Impresa

Comunemente si pronuncia la frase "Internazionalizzazione per l'Impresa" e nell'ultimo decennio è d'obbligo parlare di tale argomento. Compiutamente racchiude molteplici livelli e fattori che ne definiscono il significato. Politici, amministratori locali, accademici, imprenditori della grande e piccola impresa si scambiano opinioni in materia di processo d'internazionalizzazione, spesso avendo idee divergenti o discordanti e spesso approcciando una materia parallela: "La Globalizzazione", materia che molti tendono ad inglobare nel processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa". Ciò che accomuna tutti i pensieri è l'opportunità per l'impresa di fronteggiare un nuovo o un grande spazio esterno al proprio.

Di per sé l'impresa diviene internazionale non appena un livello o un fattore estero coinvolge l'attività dell'impresa; ciò non identifica l'impresa come globale.

Le due sostanziali ragioni che inducono l'impresa a realizzare un processo d'internazionalizzazione sono semplici:

1) Aumentare i ricavi, e il più possibile.
2) Ridurre i costi, e al massimo non intaccare l'efficienza.
Ma che cosa vuol dire nel concreto – internazionalizzare l'impresa?

INTERNAZIONALIZZARE L'IMPRESA: significa varcare i confini nazionali d'impresa traendo qualche vantaggio. L'impresa che intende internazionalizzarsi è bene che affronti questo processo attraverso un progetto, meglio se questo strutturato mediante l'utilizzo di un sistema d'informazione affidabile. L'impresa per internazionalizzarsi deve investire risorse (tempo, denaro, personale, etc.), dunque, affinché si contengano i rischi, è fondamentale che l'impresa durante il processo, venga affiancata da professionisti che offrano "Garanzia & Assistenza" e che concorrano e/o conducano sia il progetto, sia il processo stesso (nella loro totalità del progetto e del processo o in parte). I professionisti devono fornire assistenza specializzata relativa al disbrigo delle diverse adempienze, quali amministrative doganali o altro, nonché fornire assistenza specifica riguardo la contrattualistica internazionale, la gestione del credito o altro.

Il processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa" può svilupparsi su tre livelli:

1) PRODUTTIVO: quando, ad esempio, l'azienda decide di aprire uno stabilimento in un Paese estero.

2) COMMERCIALE: allorché l'azienda decide di aprirsi ai mercati esteri mediante la vendita dei propri prodotti o servizi.

3) FINANZIARIO: quando l'azienda decide di internazionalizzare la gestione finanziaria del proprio patrimonio anche a prescindere dall'internazionalizzazione a livello produttivo e/o commerciale.

A sua volta il processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa" si completa convergendo ai livelli di cui sopra i fattori, individuati principalmente nel:

  • DECENTRARE: Ovvero traslocare alcune funzioni, poteri e/o altro dalla - sede centrale - alle - sedi periferiche. Esempio di un decentramento è quando uno Stato centrale rinuncia ad alcune funzioni assegnandole agli Stati Federali (v. Brasile), ma vi potrebbero essere altri esempi in USA, Cina, in Regno Unito o in Italia laddove lo Stato demanda funzioni e poteri a entità interne al Paese, Regioni e/o Comuni.
  • DELOCALIZZARE: Ovvero migrare l'impresa o rami della stessa, dal Paese in cui si è fondata a un altro Paese o più d'uno magari decentrando anche funzioni e/o poteri. Esempio di delocalizzazione è il progetto FCA, dove la FIAT fondata a Torino – Italia, delocalizza dapprima l'unità produttiva in Serbia, Brasile, USA, poi decentra funzioni e poteri tra Olanda, Lussemburgo e Inghilterra.
  • COMMERCIALIZZARE: Ovvero un'impresa che non ha decentrato o delocalizzato, pertanto, fondata e residente in un "Paese", vende il proprio prodotto e/o servizio in mercati di altri "Paesi". L'attività di esportazione, vista come fattore singolo, è considerabile debole e fragile nel processo di "Internazionalizzazione".
  • LOCALIZZARE: Ovvero la preparazione, in senso generico, per uno specifico mercato, quindi aggiungendo ai prodotti o ai servizi, caratteristiche tipiche che permettano di impiegare gli stessi in specifici mercati o ambienti cosiddetti - Locali. Esempio di localizzazione è McDonald che prepara gli hamburgers utilizzando la materia prima del luogo in cui s'insedia affinché possano sposare al meglio il gusto dei consumatori – Locali.

Per le imprese contenere l'investimento iniziale è sempre un'esigenza, anche se, in questo genere di processo spesso non è possibile, semmai è importante che l'impresa sia diligente nel valutare l'esistenza e la consistenza di specifici bandi, il reperimento di risorse, nel cogliere particolari opportunità di accesso al credito, oppure l'esistenza di un potenziale partner. Tutto questo affinché si possa rendere operativo un progetto e il relativo processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa".

Con qualsiasi interlocutore, sia istituzionale che privato, per garantirsi maggiori prospettive di stanziamento è necessario sottoporre un "Business Plan" dove si descriva: un profilo finanziario, margini di contribuzione attesi, vantaggi competitivi identificabili e un organigramma adeguato, il tutto che rappresenti il progetto in modo chiaro e credibile. Il "Business Plan" deve essere formalizzato accuratamente affinché si riveli di supporto per l'imprese al processo d'internazionalizzazione. Qualunque sia l'interlocutore, istituzionale o privato, si deve fare conto con i tempi di approvazione del "Business Plan", purtroppo spesso lunghi poiché gli iter di valutazione sono consuetamente abbastanza farraginosi.

Vi sono "Società" regolarmente impegnate nell'attività di "Internazionalizzazione per l'Impresa" e che forniscono servizi in questo ambito. Come detto, uno studio di ricerca personalizzato a seconda dei settori specifici di attività e in base alle differenti legislazioni fiscali locali e un "Business Plan" sono utili ad affrontare un processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa" e a tal proposito Bright Business Consulting LLP offre il sostegno necessario per perseguire tale obiettivo.
Tra i "Mercati Emergenti", consolidati attori per il prossimo ventennio laddove attuare un processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa", possiamo identificare quelli costituenti il BRICS ed i Paesi del bacino del Mediterraneo.

Il progetto "Parco Eccellenze Europee" rappresenta lo strumento e il mezzo più congegnale e utile all'accompagnamento dell'impresa o dell'imprenditore europeo, di qualsiasi calibro, interessato ad operare al di fuori del suo Paese di origine e all'interno dei mercati internazionali. Il progetto trova compimento fornendo il contatto con le Autorità locali (Ambasciate, Consolati, società Statali e/o Municipali, etc.) e i partner commerciali internazionali, gestendo l'iter procedurale e nel caso i vari adempimenti burocratici ed amministrativi, nonché sostenendo l'inserimento del soggetto con propedeuticità e idoneità al "fare business" nel mercato di suo interesse, esso inteso come: sviluppo, conseguimento, consolidamento ed ottimizzazione del medesimo. Queste le finalità del progetto.

Bright Business Consulting LLP è impegnata principalmente nel Regno Unito, in Brasile, in Cina e negli Emirati Arabi Uniti. Brasile e Cina sono identificati, dai principali indicatori internazionali, rispettivamente come il fondamentale e più costante "Mercati Emergenti" e come il principale motore dei "Mercati Emergenti". Bright Business Consulting LLP è il partner ideale al quale affidarsi qualora si debba ricercare e/o individuare mercati in cui investire o nei quali intraprendere attraverso livelli e fattori il processo di "Internazionalizzazione per l'Impresa".

La Globalizzazione

La "Globalizzazione" non è un fenomeno che capita dal nulla, bensì è frutto di un processo che dura da un lungo periodo. Questo fenomeno negli ultimi vent'anni ha avuto una forte accelerazione, arrivando a modificare la struttura dell'economia mondiale e purtroppo diventando un termine di facile utilizzo. Il termine in certi salotti è piuttosto inflazionato, oltraggiando il valore, l'importanza e il significato proprio del termine.

La "Globalizzazione" è spiegabile e inoltre applicabile in diverse materie, ma la più applicabile fra tutte si riscontra nell'ambito economico laddove con l'uso di questo termine si determina l'unificazione dei mercati a livello mondiale, sostenuti dalla diffusione delle innovazioni tecnologiche che hanno spinto l'economia di scala verso modelli di consumo e di produzione, più uniformi e convergenti.

Le imprese coinvolte nel fenomeno di "Globalizzazione" sono maggiormente performanti e pronte a sfruttare rilevanti economie di scala nella produzione, nella distribuzione e nel marketing, specie se si tratta di beni o di servizi di consumo standardizzati.

La regola del fenomeno della "Globalizzazione" è semplice: l'impresa è tanto più globalizzata e presente in un mercato globale, tanto più è capace di produrre, promuovere, distribuire e vendere, lo stesso bene e/o servizio in tutto il mondo adottando strategie, protocolli e procedure uniformi, ciò a differenza dell'impresa multinazionale, il cui obiettivo è invece quello di assecondare la varietà delle condizioni presenti nei Paesi in cui opera o in cui vuole operare, poiché per affrontare meglio lo scenario deve: decentrare, delocalizzare e/o localizzare (vedi "Internazionalizzazione per l'Impresa", osservando che, raramente una multinazionale persegue un processo d'internazionalizzazione attraverso la ludica commercializzazione).

Nel suo decorso il fenomeno "Globalizzazione" ha influenzato molte materie, come ad esempio: la politica, la ricerca e l'economia. In effetti, attraverso l'evoluzione della "Globalizzazione", mercati, produzioni, consumi e anche modi di vivere e di pensare si connettono su scala mondiale.

Considerando l'aspetto economico e socio politico, il fenomeno "Globalizzazione" viene generalmente identificato come un insieme multiforme di fattori culturali ed economici e di comunicazione, che, sul piano della strategia commerciale, si traducono nella diffusione planetaria di attività, servizi, metodi e prodotti.

Il fenomeno di "Globalizzazione" è un concetto multidimensionale che indica:

  • La progressiva abolizione delle barriere commerciali.
  • L'aumento dei volumi del commercio internazionale.
  • La crescente integrazione economica tra Paesi.
  • La crescente mobilità internazionale dei capitali.
  • Il processo di finanziarizzazione dell'economia.
  • I processi di liberalizzazione del mercato e del lavoro.
  • Le politiche di deregolamentazione, liberalizzazione e privatizzazione.

Alcuni pareri vedono il fenomeno di "Globalizzazione" come un potere che può esercitare effetti positivi sull'economia sia mondiale che dell'impresa partecipante al fenomeno, in particolare per via della liberalizzazione e della crescita degli scambi commerciali e finanziari che possono stimolare un afflusso degli investimenti verso le aree meno dotate di capitali, così favorendo una tendenziale riduzione del divario economico fra i Paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo.

Vi sono poi pareri opposti, i quali sostengono invece che, dato gli squilibri e le forti differenze economiche, tecnologiche, culturali, politiche esistenti tra i diversi Paesi, nonché la presenza di condizioni di mercato assai lontane da quelle di concorrenza perfetta dati dai modelli tradizionali non distribuiscono in modo uniforme il risultato, così consacrando processi avversi al fenomeno di "Globalizzazione".

E' giusto quindi che un'impresa pianifichi a posteriori se perseguire un processo d'internazionalizzazione, oppure se perorare la causa del fenomeno globale, in particolare se l'impresa deve affrontare i "Mercati Emergenti", definire direzione e traguardo, quali elementi strategici.

Bright Business Consulting LLP è il partner ideale al quale affidarsi per ricercare e/o individuare la direzione e il traguardo da perseguire, rappresenta l'accompagnamento per l'impresa più qualificato per affrontare il fenomeno della "Globalizzazione".

 

end faq

 BBC-LLP offre una prima consulenza gratuita-Primo Incontro*.

Costituzioni Società Off-Shore

Costituzioni Società in UK

Costituzioni Società in Brasile

Costituzioni Società in Cina

Costituzioni Società EAU & Free Zone

 

Mercati Emergenti

bannermap

Parco Eccellenze Europee - PEE

Scroll to Top